Archive for the 'Segnalazioni – Dischi' Category



TV On the Radio: nuovo singolo e nuovo album

Tratto dal nuovo album “Nine types of lights” uscito a metà aprile, la seminale band rock-soul di Brooklyn TV on The Radio, rilascia il primo singolo “Will Do” attraverso un video sognante e vibrante di carica positiva. Dedicato al recentemente scomparso bassista della band. Eccolo:

Annunci

Robot Koch & John Robinson: hiphop dupstep

Esce il 12 aprile il primo vero disco hiphop in chiave dubstep che si possa veramente definire tale, perchè concepito interamente in questa forma da due pesi massimi nei loro ambienti musicali. All’angolo destro il poco più che 23enne producer tedesco Robot Koch, all’angolo sinistro il mostro lirico degli Scienz of Life John Robinson. Eccovi il primo singolo “Smorgasbord”. Projectmooncircle 2011. Siamo sulla luna.

Aloe Blacc – I need a dollar

E’ uscito il disco di Aloe Blacc – Good Things per stones Throw. Un ora di puro soul, Rythm & Blues e soul food.
Qui segnalo il video di uno dei pezzi più belli, quello che apre l’album: I need a dollar.
Ascoltarlo è come mangiare pollo fritto sulla 125a ad Harlem. Magia.

Pharoahe Monch: new album

A poco più di un paio d’anni dall’ultima release e a meno di un anno dal featuring capolavoro con The Black Keys, torna il monaco…ed è musica per le nostre orecchie. Real hiphop shit like they done in the old times! Qui una chicca live: Clap, cantata in occasione della presentazione del disco ad una radio londinese. Il nuovo album W.A.R. uscirà a fine ottobre.

Aloe Blacc, Marvin Gaye ringrazia

Esce oggi il disco di Aloe Blacc, soulsinger di casa Stones Throw al suo secondo disco, il primo ufficialmente SOUL.
Voce cristallina, toni alla Marvin Gaye e un mood motown di derivazione “wonderiana” che in pochi altri cantanti moderni possono dire di avere. Qui propongo il singolo Femme Fatale, il secondo estratto dall’album “Good things” dopo “I need a dollar”. Il pezzo è una cover, e che cover, dei Velvet Underground. Buon ascolto. Un consiglio…compratevi l’album se amate la musica black.

Consigli per gli acquisti dopo lo splash

Oltre alla musica dello Splash che ancora gira in testa, ne gira ora tantissima altra sui miei giradischi grazie a del digging selvaggio ad ore improbabili tra le bancarelle di vinylism.de e hhv.de (visitateli). Tra i vari dischi mi preme segnalarne qualcuno che consiglio a chiunque legga queste righe di acquistare o di procurarsi con ogni mezzo.

R.A. Rugged Man – Legendary Classic Vol. 1

Disco fresco di stampa (su doppio vinile color rosso sangue) che raccoglie 18 brani di cui 9 inediti (e sono rarità reperite da chissà che studio new yorkese) del genio folle del Queens al secolo Rugged Man (già protagonista della famosissima Stanley Kubrick nel 97 sulla compila Soundbombing vol.2, vero e proprio culto made in Rawkus). Legendary Classic è a tutti gli effetti già un classico fin dalla prima traccia: rime da far impallidire pure Pharahoe Monch (non scherzo), beat anni ’90 che tutti gli altri hanno perso un po’ per strada e, sull’in-lay, il racconto dettagliato da parte di Rugged della genesi di ogni singolo pezzo. Ce n’è per acculturarsi un bel po’ sulla storia dell’hiphop.

Homeboy Sandman – The Good Son

Per chi sentiva la mancanza di nuovi mc talentuosi non per forza di matrice Anticon o Def Jux, arriva questo MC new yorkese di origini arabe in grado di far ribaltare dalla sedia anche il b-boy più fissato con flou, metriche, incastri. Ancora una volta il paragone può essere fatto con Monch per certi versi. Ma la musicalità della voce è diversa, maggiormente melodica. E gira su basi ben confezionate, di derivazione totalmente est coast. Un disco annoverabile tra le migliori 3 uscite hiphop dell’anno 2010 accanto a Rugged e alla maxi produzione di Madlib (12 dischi in 12 mesi). Ed i vinili sono pure bi-color: uno color ghiaccio e l’altro blu!

Numaads – Now EP

Ultimamente le declinazioni più intriganti della doppia H provengono senza dubbio dalla scena tedesca (vedi Dorian Concep, Robot Koch, Q4, Project Mooncircle) contaminata com’è dalle influenze Dub-Step d’oltre manica pur essendo ancora legata alla forma e all’estetica black tanto radicata nella scena musicale tedesca (chiedere a John Robinson e Lewis Parker). Numaads rappresenta a pieno questa new wave europea, presentando una cantante soul di origini americane, su beat carichi e belli pieni dilatati dai bassi lenti e profondi tipici del genere dub-step. Metteteci un bel remix di Now di robot Koch (presente anche sul suo ultimo EP “Listen to them fade”) ed il gioco è fatto. Avrete un disco a metà tra Belleruche (non perdetevi il loro imprescindibile “liberty EP”), Stereotipe e Robot appunto. Gemma rara (vinile in edizione limitata).

psycho

The Roots – new album

Direttamente dall’ultimo album del gruppo di Philly in uscita a luglio, ecco il primo singolo Dear God 2.0. A mio parere meraviglioso. Echi dub, canti pop/soul e attitudine nera in stile roots.


Archivio

Disco dell’anno 2016

Chance The Rapper - Colouring Book

Libro del momento

George Clinton - La mia vita Funkedelika

George Clinton - La mia vita Funkedelika

Letture consigliate

Antonio Moresco - I canti del caos Antonio Moresco - Gli incendiato Antonio Moresco - Merda e luce Roberto Saviano - Gomorra Angela Davis - Aboliamo le prigioni? Malcom X - Autobiografia Jonathan Lethem - Brooklyn senza madre Amir Baraka - il popolo del blues Weissman - Il mondo senza di noi Philip Dick - Le 3 stimmate Philip Dick - La svastica sul sole Philip Dick - la penultima verità Aldous Huxley - Il mondo nuovo Corman McCarty - La Strada Wu-Ming - Grand River Wu-Ming - The new thing Wu-Ming - guerra agli umani
Annunci